Home / Blog / Recensioni / Philips Baristina: una vera rivoluzione del caffè?

Philips Baristina: una vera rivoluzione del caffè?

Il mondo del caffè ha acquisito un sistema di preparazione completamente nuovo: la Philips Baristina.

Questa macchina da caffè compatta ha la semplicità di una macchina a capsule e la combina con il gusto impareggiabile dei chicchi appena macinati.

Il 19 marzo 2024 questa nuova macchina è stata lanciata in Francia.

Sarà l’inizio di una nuova rivoluzione nel modo di fare il caffè a casa?

Penso di sì; qui potete leggere esattamente come funziona la Baristina e quali sono le sue caratteristiche rivoluzionarie.

Cosa rende così speciale la Philips Baristina?

L’unica cosa che devi fare è inserire i chicchi di caffè nel serbatoio e premere il pulsante.

La macchina si occuperà poi di tutto il resto in modo completamente automatico: la macinazione dei chicchi, la pressatura ottimale del caffè macinato e lo smaltimento del disco di caffè.

Grazie a questo ingegnoso sistema, non è necessario utilizzare un pressino o un macinacaffè separato come nella maggior parte delle macchine da caffè manuali.

La sua semplicità e il lavoro manuale richiesto minimo sono rivoluzionari per una macchina che usa chicchi freschi.

È la soluzione ideale per i baristi domestici che desiderano preparare un caffè rapidamente senza sporcare la cucina, a differenza, ad esempio, della popolare Sage Barista Express.

Ci sono alcune funzionalità che mancano nella Baristina che sono presenti nelle solite macchine da caffè manuali per uso domestico.

La Baristina non ha una funzione separata per l’acqua calda e anche il montalatte o tubo a vapore non sono integrati nella macchina da caffè. È tuttavia possibile acquistare un montalatte separato opzionale.

Come funziona la Philips Baristina?

La preparazione del caffè inizia scegliendo il tipo di caffè da erogare: espresso, lungo o intenso. Successivamente, si seleziona l’intensità (due livelli).

Una volta premuto il pulsante, i chicchi verranno macinati. Dopodichè, il caffè viene pressato automaticamente nel portafiltro (è possibile utilizzare anche caffè già macinato). Non è quindi necessario pressare il caffè manualmente.

Mentre con una macchina per espresso è necessario spostare il portafiltro dal supporto all’erogatore del caffè, con la Baristina è sufficiente farlo scorrere verso destra. Senza rimuoverlo dalla macchina.

L’acqua viene poi pressata attraverso il caffè ad una pressione di 16 bar. Philips promette una temperatura di 72°C nella tazza di caffè.

Quando il caffè è pronto, si rimuove il portafiltro dalla Baristina per gettare il disco. Non hai bisogno di un battifondi, poiché il portafiltro rilascia il disco facilmente, premendo un pulsante.

Design compatto per ogni cucina

Il design compatto della Baristina la rende adatta a qualsiasi cucina. È perfetta per gli appartamenti più piccoli o per le cucine in cui il caffè di lusso è importante ma lo spazio è limitato.

Per ora la Baristina è disponibile in due colori diversi: bianco o nero. Tuttavia, il portafiltro è disponibile in 7 colori diversi (a volte con un piccolo sovrapprezzo, a seconda della scelta). Così dai comunque il tuo tocco personale alla macchina.

Personalmente, trovo il design molto fine e pulita. Diversa da alcune macchine da caffè in grani, a volte ingombranti, per cui bisogna rinunciare ad una parte del piano di lavoro in cucina.

Baristina vs Nespresso, Dolce Gusto e Senseo

Mentre una macchina come Nespresso richiede l’acquisto di capsule, la Baristina utilizza il caffè fresco in grani.

È molto più economico: con Nespresso si pagano facilmente più di 30 centesimi a capsula. I chicchi di caffè sfusi costano, in conversione, circa 4-8 centesimi per una tazza di caffè. Philips sostiene che si risparmiano circa 300 euro all’anno.

E non è solo il prezzo che conta chiaramente. Alla fine il gusto del caffè è la cosa più importante.

Posso garantirvi che il gusto dei chicchi di caffè freschi non può essere paragonato a quello del caffè in capsula.

Per finire, la Baristina è molto più ecologica delle altre macchine menzionate qui sopra.

La Baristina è stata realizzata con oltre il 50% di plastica riciclata. Inoltre, l’imballaggio non contiene materiale plastico ed è composto per oltre il 90% da carta riciclata.

Per non dimenticare: le capsule contengono alluminio, il che significa che non possono essere smaltite nella spazzatura normale, con la plastica o nei rifiuti organici. Devono essere inviate a Nespresso in un sacchetto speciale per il riciclaggio.

Il caffè macinato usato dalla Baristina può essere smaltito con i rifiuti organici o può essere utilizzato come concime per le piante o il giardino.

Optate per il specialty coffee o utilizzate semplicemente i chicchi di caffè del supermercato: la scelta è vostra.

Conclusione

In conclusione, la Philips Baristina è una macchina da caffè perfetta per chi vuole bere un vero espresso, con chicchi freschi, senza avere le abilità da barista, molto spazio in cucina e senza spendere troppi soldi.

In termini di ricette di caffè, mi aspettavo di più. Poiché il montalatte non è integrato nel sistema, questo si spiega. Forse può essere un punto di miglioramento per la prossima versione: un montalatte incorporato, dato che un montalatte separato richiede spazio aggiuntivo sul piano di lavoro e un’ulteriore atto manuale.

Il prezzo è, a mio avviso, molto competitivo: per 299 euro (prezzo di lancio) è possibile avere la nuova Philips Baristina in casa. Provateci a trovare una macchina completamente automatica o manuale con macinacaffè integrato a questo prezzo.

E voi, cosa ne pensate della nuova Philips Baristina? Fatecelo sapere nei commenti! Siamo molto curiosi della vostra opinione.

2 commenti su “Philips Baristina: una vera rivoluzione del caffè?”

Lascia un commento